Së nònnemë nni èrë mòrtë, èrë ‘ngàurë vèvë.

(Se mio nonno non era morto, era ancora vivo).

La štàssë penzàtë dell’àsenë.

(La stessa pensata dell’asino).

Questo per dire soluzioni scontate.

Condividi!

A magnà ‘n cumbuagnè zë fa fracàssë, ma a cacà sàulë sàulë të lë vèdë tì e lu chìulë.

(A mangiare in compagnia si fa casciara, ma a cacare solo solo te la vedi tu e il culo).

Questo per dire che nella gioia generlamente si è sempre in compagnia, ma nella tribolazione ogn’uno se la deve sbrigare da solo.

Condividi!
odenheimer_karlene@mailxu.com sniffen_mckenzie@mailxu.com