Browsing "Proverbi, Modi di Dire, tutto in una Parola."

Së nònnemë nni èrë mòrtë, èrë ‘ngàurë vèvë.

(Se mio nonno non era morto, era ancora vivo).

La štàssë penzàtë dell’àsenë.

(La stessa pensata dell’asino).

Questo per dire soluzioni scontate.

A magnà ‘n cumbuagnè zë fa fracàssë, ma a cacà sàulë sàulë të lë vèdë tì e lu chìulë.

(A mangiare in compagnia si fa casciara, ma a cacare solo solo te la vedi tu e il culo).

Questo per dire che nella gioia generlamente si è sempre in compagnia, ma nella tribolazione ogn’uno se la deve sbrigare da solo.

Chiù annèndë jàmë e cchiù pècherë arcaciàmë.

(Più avanti andiamo e più pecore tiriamo fuori).

Generalmente viene usata dai sansalvesi per significare “Che più si va avanti e più le cose vanno male”.

Il detto popolare in argomento dovrebbe nascere dall’episodio di una piena improvisa del fiume Trigno, che nello dirompere varcò i suoi argini, investendo un gregge che pascolava nelle vicinanze dell’acqua.

Il gregge venne letteralmete inghiottito dalla furia del fiume, i pastori passata la piena cercarono pecore vive, ma più andavano avanti e più si ritrovarono a dover tirare fuori dalla melma solo carcasse degli animali morti.

Pagine:1234567...29»
wildman_grace@mailxu.com wela@mailxu.com