Browsing "” GLOSSARIO DEL DIALETTO SANSALVESE “"

” S ” 4° parte

Schenucchiué – Rompere sotto un carico.

Šchiaffà – Appioppare, aggiungere forzando.

Šchiavàunë – Schiavone (Slavone abitante della Slovenia).

Šchifètë – Schifato, rifiutato.

Schinalmèndë – Finalmente.

Schinìnzë – Fino a … Persino.

Šchiòvë – Spiove.

Schirzé – Scherzare.

Schìurë – Scuro.

Schizzinàusë – Schizzinoso.

Sciambendàttë – Sii o sia benedetto.

Sciàcquë – Sciacquare.

Sciàgnë – Scendere.

Scialà – Scialare, sperperare.

Scialaccuò – Scialacquare.

Scialacquàunë – Spendaccione.

Sciambagnàunë – Compagnone.

Sciammerechë – Soprabito. Anche atto sessuale.

Sciangàtë – Sciancato.

Sciangé – Cambiare.

Sciànnë – Ala di uccello.

Sciapètë – Insipido. Persona sciocca.

Sciapelatté – Persona scialba.

Sciarabballë – Calesse. Birroccino.

Sciàrrë – Liticare.

Sciàremë – Mio nonno.

Sciàurë – Nonno.

Sciècchë – Molto buono.

Sciègnë – Scendere.

Sciènnë – Scendi.

Scilètë – Senza sapore. Sciocco.

Scimbìsë – Impeso, impiccare.

Scimmadàttë – Sii maledetto.

Scimmichìjë – Perdere tempo.

Scimmijàijë – Scimmiottare. Perdere tempo.

Scingilìjë – Scompigliare i capelli.

Scinnichijètë – Lo sbattere delle ali di un volatile.

Scinnilijé – Agitare le ali.

Sciò – Termine usato per scacciare le galline.

Sciòddë – Diarrea. Slegato.

Sciofferrë – Autista dal francese Chauffeur.

Sciòijë – Sciogliere.

Sciomìssë – Soprabito (dal francese: Chemise).

Sciòrë – Nonno.

Sciucuòtë – Squisito (arcaico).

Sciùnnelë – Altalena.

Sciuròcchë – Scirocco vento.

Sciùscë o Sciòscë – Sorella (Dal Serbo-Croato Šoša).

Sciuscèllë – Carruba

Scìtë – Uscite.

Sciuvularèllë – Gioco dello scivolo.

Scìvula-scìvula – Uscirne alla chetichella.

Sciuvulé – Scivolare.

Scòijë – Scoglio.

Scola éddë – Scuole superiori.

Scolacìnzë – Termine che indicava l’interruzione di un gioco per giusta causa.

Scòllë – Cravatta.

Scoppelë – Colpo. Grave perdita.

Scòrcë – Buccia. Corteccia.

Scòssë – Scossa elettrica.

Scòtë – Manico della zappa e simili.

Scràufë – Femmina del maiale. Prostituta.

Scrèmë – Riga nei capelli.

Screppellë – Scrippelle (Dolce tipico Abruzzese)

Scrèttë – Scritto.

Scricchìijë – Vinaccioli dell’uva.

Scrijanzàtë – Screanzato. Maleducato.

Scrištianètë – Imbestialito. Comportarsi senza nessuna remore.

Scròcchë – Schiocco. Sbafo.

Scruccuàunë – Chi sbafa alle spalle d’altri.

Scruccuò – Schioccare la frusta. Mangiare a spese d’altri.

Scrulluò – Scrollare.

Scrùsscë – Pioggia breve ma intensa.

Scrussciàunë – temporale breve ma intenso.

Scuardapàijë – Pollo nell’aia.

Scuarpàrë – Calzolaio.

Scuassatë – Scasso. Aratura profonda del terreno.

Scucchìtë – Separati. Divisi.

Scucchiugliètë – Saldata la vernice.

Scuciuè – Scucire.

Scuffijàttë – Cuffietta.

Scuffuluòtë – Pane a cui è stato strappato un pezzo con le mani.

Scugnuìtë – Pulcini appena usciti dall’uovo.

Scugnuò – Uscire dall’uovo. Rompere il guscio ai frutti secchi.

Scuijë – Scoglio.

Sculluàttë – Cravattino.

Sculluò – Scollare.

Sculluàtë – Scollato.

Scumbuallatë – Diversità di altezza in genere.

Scumbuassà – Misurare uno spazio con i passi.

Scumbunè – Rompere un contratto.

Scumbuscètë – Farsela sotto per il troppo ridere.

Scummuarà – Sparecchiare. Traslocare.

Scummuàssë – Scommessa.

Scummujè – Disfare.

Scumunzàtë – Indifferente.

Scuncuacà – Sporcare di merda. Maldicenze su una persona.

Scundrunuètë – Rotto. Inservibile.

Scundunduò – Scontentare.

Scungiuò – Danneggiare. Guastare.

Scunguassatë – Fracassato. Sgangherato.

Scunucchiuè – Cedere sotto un peso.

Scunzuijuè – Sconsigliare.

Scupènë – Strumento musicale ricavato dal fusto dell’erba,

Šcuppuàttë – Fucile.

Scuppulàunë – Scappellotto.

Scupulètë – Perdere tutto al gioco.

Scuppuatë – Buco nella stoffa consumata.

Scuppuàttë – Fucile.

Scuppuò – Rompere un involucro, un regalo o simili.

Šcuppuò – Scoppiare, esplodere.

Scupré – Scoprire, rinvenire,sorprendere.

Scupuàttë – Spazzola.

Scupuènë – Persona stupita. Zufolo. Strumento fatta con parte dell’erba.

Scupulé – Ripulire di tutto un avversario al gioco.

Scupunèrë – Zampognari. Gruppo di stupidi.

Scuputtatë – Spazzolato.

Scurciuò – Scorciare, togliere la buccia, pelare.

Scurdarèllë – Che dimentica tutto.

Scurdarèllë – Facile a dimenticare.

Scurduò – Scordare.

Scùrnë – Rimprovero.

Scurpuacciàtë – abbuffata.

Scurrujé – Correre a perditempo.

Scurtecuò – Scorticare.

Scurtuèllë – Guardare di lato. Messo non in linea

Scusciué – Scucire.

Scutecuò – Scorticare.

Scutruzzuètë – Persona infima.

Scutulué – Gesto fatto con forza per far cadere residui di cibo dalla tovaglia.

Scuvuò – Scovare, stanare, ritrovare.

Scuzzuàunë– Pugno.

Scuzzucuòtë – Sporco, persona sudicia.

Šdajèllë – Attrezzo dei muratori. Inteso come organo genitale maschile.

Šdànghë – Stanga. Parte del carro per equini.

Šdènghë – Costole.

Šdillazzà – L’ondeggiamento fortuito o volontario di un liquido in un recipiente.

Šdilluffué – Malmenare.

Šdindàtë – Sdentato.

Šderrazzë – Arnese a mo di spatola per pulire attrezzi agricoli dalla terra umida appiccicata durante il lavoro.

Sdirriné – Sderenare. Venire malmenato.

Šdossë – Cavalcare a pelo.

Šdrajà – Sdraiarsi.

Šdrèusë – Strano.

Šdujuné – Mangiare.

Šdulluffuètë – Zoppicante. Claudicante.

Šduvuò – Riempire di botte. Essere stanco per il troppo lavoro.

Secà – Segare.

Secàndë – Secondo.

Seccà – Seccare.

Seccandrènë – Persona magra. Esile.

Sechìurë – Sicuro.

Sèggë – Riscuotere.

Segnà – Segnare. Annotare.

Selìštrë – Lampo..

Selòchë – Soprabito molto lungo.

Sembstèijë – Simpatia.

Sendé – Sentire. Assaporare.

Sénechë – Sindaco.

Serrà – Chiudere.

Serratìurë – Serratura.

Sesànnë – Colpo dato da una donna con il petto.

Settemmanë – Settimana.

Sfaccianijjètë .- Sfigurato.

Sfacciàtë – Sfacciato.

Sfamurré – Tagliare il pane con le mani, a tocchi.

Sfandascijé – Giocare senza pensieri. Sfrenarsi.

Sfascià – Rompere. Sfasciare.

Sfasciuluòtë – Povero. Senza risorse.

Sfaštàgnë – Noia.

Sfatijètë – Sfaticato

Sfàttë – Marcio. Sfottere. Disfatto.

Sfecatàrsë – Rovinarsi il fegato.

Sfecché – Estrarre.

Sfehuré – Sfigurare.

Sfelé – Dipanare una maglia. Procedere in fila.

Sfelèndë – Persona povera.

Sferrà – Tirare un pugno. Togliere i ferri ad un equino.

Sferzà – Lacerare.

Sfèrzë – Striscia.

“S” 3° parte.

Sfessètë – Squilibrato. Sfasato.

Sfèzië – Capriccio. Sfizio.

Sfiatàtë – Sofocato.

Sfilamèndë – Crampi dello stomaco quando si ha fame.

Sfirzèllë – Parte di qualcosa.

Sfòijë – Sfoglia di pasta.

Sfracassatë – Frantumato,

Sfracàssë – Confusione.

Sfraccatë – Acciaccato. Pestato.

Sfraffìjë – Soffiarsi il naso senza fazzoletto.

Sfranzesètë – Violentata.

Sfrattatàvelë – A fine pranzo,consumo dell’ultima portata per consentire di sparecchiare.

Sfreddà – Raffreddare.

Sfregnàtë – Sfortunato.

Sfrenàtë – Scatenato. Privo di freni inibitori.

Sfrèvulë – Ciccioli di lardo di maiale.

Sfruculujé – Provocare. Sfottere.

Sfrunnà – Sfrondare. Tagliare le foglie.

Sfruscijé – Sbruffare. Avere la bocca piena e respirare veloce con il naso.

Sfrusscé – Sperperare il denaro.

Sfrutté – Sfruttare.

Sfuijà – Sfogliare.

Sfummuchijé – Emettere fumo in abbondanza.

Sunnà – Sfondare.

Sfussà – Disseppellire.

Sgàbbië – Vino.

Sgamàtë – Anche se nascosto è stato visto. Intuire sentimenti ed intenzioni che si nascondono sotto le apparenze.

Sgangané – Gridare ripetutamente un comando o un richiamo.

Sgangàtë – Privo di denti.

Sgarbijjètë – Pieno di graffi e ferite.

Sgarrà – Strappare.

Sgarrufètë – Rovinato. Graffiato.

Sgarzàtë – Offeso nell’organo della vista.

Sghèjë – Soldi (Moneta Austriaca nel lombardo-veneto).

Sgherrené  – Sderenare.

Sgraffa sgràffë – Piglia piglia. Sgraffignare.

Sgrambijé – Graffiare.

Sgrambilijètë – Parola offensiva per racchiudere in una persona più difetti

Sgranà – Mangiare. Togliere piselli e fave dai baccelli..

Sgrannelejé – Grandinare.

Sgrascià – Sputare con violenza la secrezione nasale e orale infiammata.

Sgrassà – Privare del grasso.

Sgravà – Partorire. Liberarsi di un peso.

Sgrèijë – Pula del chicco di grano trebbiato,(collegato alla resta).

Sgèzzë – Schizzo.

Sgriscìunë – In modo obliquo. Di traverso.

Sgrizzatàurë – Giocattolo. Tratto del sambuco ripulito del midollo e adattato a schizzatoio.

Sgrizzé – Schizzare.

Sgrugnòtë – Parte di vernice saltata da un mobile o auto.

Sgrujòzzë – Frustaper animali da lavoro.

Sgroppuò – Darsi da fare. Lavorare sodo.

Sgrussuò – Togliere da un materiale allo stato rozzo le parti superflue.

Sguagnelejé – Lamento continuo di un cane o il piagnucolare di un bimbo.

Sguazzejé – Sguazzare.

Sguèscë – Obbliquo.

Sguèzzerë – Svizzero.

Sgugnulujé – Lamentarsi.

Sgummovë – Muovere qualcosa.

– Sai.

Sìbbulë – Lesina, arnese del calzolaio per bucare il cuoio.

Sìbbutë – Subito.

Sicutuò – Continuare.

Sìggë – Sedia.

Siggilàunë – Seggiolone per bambini.

Signà – Segnare.

Signàurë – Signore.

Signurué – Vostra signoria, rivolgendosi al padre o ai nonni.

Sijìzzë – Singhiozzo.

Silištrë – Lampo.

Simèggë – Piccoli chiodi usati dai calzolai.

Sindé – Sentire.

Sindinzië – Maledizione.

Sindimìndë – Sentimenti.

Sinnà – Altrimenti.

Sippiluchë – Sepolcri.

Sirpendènë – Persona maldicente.

Sirvé – Servire.

Sì sì – Presto presto.

Sištemàtë – Sistemato. Messo in ordine.

Sutàccë – Setaccio.

Situò – mettere a posto.

Situvuàtë – Calmato. Trovato quello che voleva. Sposato.

Sìuchë – Sugo.

Slaccià – Slacciare.

Smàcchë – Smacco. Figuraccia.

Smacchià – Smacchiare.

Smaliziètë – Chi si comporta modo sicuro dopo aver vissuto molte esperienze.

Smammà – Staccarsi dalla mamma. Andare via.

Smandà – Scoprire.

Smanginètë – Mangino.

Smanicchiètë – Privo di mani. Persona che evita il lavoro.

Smanijé – Agitazione per impazienza e nervosismo.

Smascariètë – Volto pieno di sangue per le botte prese.

Smascarijè – Sfigurare il volto a una persona.

Smaštà – Basto rifiutato con violenza da un equino. Persona che perde la pazienza.

Smatenàtë – Matto.

Smàttë – Smettere.

Smatunuòtë – Stravagante.

Smazzà – Dimagrire.

Smèrcë – Smerciare.

Smeccé – Sbirciare.

Smoštë – Emozione. Mosso.

Smovë – Muovere. Spostare.

Smundà – Perdere il colore originario. Smontare qualcosa.

Smurfiàusë – Smorfioso. Vanitoso.

Smuštràtë – Reso irriconoscibile.

Sòccë – Socio. Mezzadro.

Soccia-soccë – Dappertutto.

Sòcemë l’òmmenë – Mio suocero.

Sòcemë la fàmmenë – Mia suocera.

Sòcetë – Tuo suocero.

Sòlë – Suola.

Sònnë – Sonno.

Soprannomë – Nomignolo.

Sopreppengë – Pipistrello.

Sopròssë – Callo osseo.

Sòrë – Sorella.

Sòretë – Tua sorella.

Sòrvë – Sorbo pianta.

Sòtë – Calmo.

“S” 2° parte

Sottedesàprë – Sottosopra.

Spaccà – Spaccare.

Spaccaunë – Spaccone.

Spaccuttuò – Aprire un pacco.

Spàchë – Spago.

Spagnuluàttë – Rocchetto di filo.

Spalìjë – Spargere.

Spallirë – Testata del letto.

Spallunuò – Colpire l’inguine con un calcio.

Spànnë – Stendere il bucato. Unità di misura.

Spanzà – Sbudellare.

Spanzanàtë – Chi ha la pancia prominente.

Sparà – Sparare.

Sparagnà – Risparmiare.

Sparatràppulë – Cerotto.

Spàrë – Cercine.

Sparé – Sparire.

Sparë – Dispari.

Sparijìé – Dividere le coppie.

Sparlà – Parlare male di qualcuno.

Sparté – Dividere.

Spasàttë – Piccolo scodella.

Spàsë – Steso (bucato). Scodella per la pasta.

Spasemà – Spasimare per una donna o per malattia.

Spasemàtë – Stanco.

Spàssë – Spesso. Passeggiata. Non lavorare.

Spatrijé – Spargere.

Speccé – Pettinare. Sgomberare.

Specceché – Scollare. Spiccicare.

Specchié – Specchiarsi.

Spedé – Spedire.

Spellà – Spellare. Scuoiare.

Spelacchiàtë – pollo giovane. Giovane alle prime esperienze.

Spènë – Spina.

Spènelë – Succhiello per spillare il vino.

Spengàrdë – Da spiga, persona alta e magra.

Spènnë – Togliere qualcosa che pende.

Speranzàunë – Nullafacente. Fannullone.

Spèrnë – Asparago selvatico.

Spesecliètë – Sollevato un po’.

Spiziàrë – Farmacista.

Spezzeché – Assaggiare. Spiluccare.

Spezzutètë – Togliere la punta.

Spiàghë – Spiegare.

Spiccé – Sbrigarsi. Pettinarsi.

Spiccichètë – Staccato. Persona somigliante a un famigliare.

Spicchialèttë – Riflessi.

Spilengàunë – Spilungone. Persona alta e magra.

Spilìtë – Appena  asciugati.

Spìngechë – Fitte al petto.

Spipitijàjë – Scorreggia di continuo.

Speranzàunë – Sfaticato.

Spirciné – Distruggere.

Spirdìutë – Sperduto.

Spirtecàtë – Esagerato.

Spirzìjë – Vagabondare.

Spisilijé – Sollevare.

Spizziché – Piccoli assaggi.

Spòsë – Sposa.

Spranatàurë – Spianatoia.

Spraziunàrsë – Disperarsi.

Spressciàtë – Soppressata, salume abruzzese.

Sprìmië – Diarrea.

Springepijètë – Rotto. Disastrato.

Springipijé – Rovinare. Rompere.

Sprisscé – Spremere. Strizzare.

Sprumundà – Sperimentare.

Spruzzé – Spruzzare.

Spuàghë – Spago.

Spudàlë – Ospedale.

Spundètë – Senza punta.

Spuijé – Spogliare.

Spulòrcë – Spilorcio.

Spulupuò – Spolpare.

Spundà – Spuntare.

 Spungecà – Pungere qualcosa.

Spusalèzië – Sposalizio.

Spùsë – Sposi.

Spuštà – Spostare.

Sputé – Sputare.

Sputètë – Saliva.

Spuzzallë – Malleolo.

Squaccarijé – Il brusio dell’acqua che bolle.

Squacchià – Schiacciare.

Squadrellà – Ridurre a pezzi.

Squaijà – Sciogliere.

Squaijàtë – Sciolto. Svignato. Sparito.

Squardavàunë – Scarafaggio.

Squartà – Squartare.

Squècchië – Sterco della gallina.

Squodrellatë – Fatto a pezzi.

Ssà – Lascia.

Sscècchë – Buono Ottimo.

Sscèmmië – Scimmia.

Ssceppà – Scippare.

Ssi – Se.

Štà – Stare.

Šta o Štattë – Stare. Rimani.

Štàbelë – Letame.

Štàccà – Staccare.

Štàcchë – Bella e prosperosa donna.

Štaggiàunë – Stagione.

Štagnàrë – Artigiano che lavora lo stagno.

Štajandètë – Che ha perso il taglio.

Štajèllë – Tavola flessibile.

Štaijë – Staio. (Per chi non aveva denaro vigeva una forma di pagamento detta dë lu Štaijë recipiente riempito fino all’orlo, era la sesta parte del contenuto di un sacco  la sàmuë  120 Kg, cioè nu muzzattë (mezzetto o moggio).

Štàllë – Stella.

Štállë – Stalla

Štallattë – Piccola stalla.

Štambellaunë – Persona molto alta.

Štanà – Stanare.

Štànghë – Stanga o barra del carretto. Stanco.

Štatìrë – Stadera. Bilancia.

Štàttë – Rimani

Štaziàunë – Stazione.

Štecchià – Centrare un bersaglio.

Štecchië – Mattonella da colpire(gioco). Sedere di persona.

Štefenë – Stefano.

Štenerètë – Diventato tenero.

Štènnë – Stendere.

” S ” 1° parte

Štèpë – Stipo. Mobile da cucina per cibarie.

Štepedètë –  Intiepidito.

Šteré – Stirare.

Šterèllë – Terreno abbandonato.

Šterrà – Scavare per portare via la terra.

Štèzzë – Goccia

Šticchià – Colpire. Gioco di bimbi che consiste nel colpire un bersaglio con una pietra appiattita (pèzzelë).

Štìfuë – Stufo. Stufa.

Štìnghë – Sto.

Štirratìurë – Risulta di muratura.

Štizzechiàjë – Pioviggina.

Štizziunë – Grosse gocce.

Štòcchë – Spezzato. Stoccafisso, merluzzo seccato.

Štolë e štolë – Poiana (uccello rapace).

Štommèchë – Stomaco.

Štortë – Storto.

Štozzë – Pezzo di pane, pizza o altro, per assaggiare.

Štracchë – Stanco.

Štraccapiazzë – Nulla facente.

Štrafà – Strafare.

Štrafànnë – Nel più profondo dell’inferno.

Štrafàttè – Andato oltre la maturazione.

Štrafucà – Mangiare con voracità.

Štrafunnà – Sprofondare.

Štrafurmuàtè – Trasformato.

Štràgnë – Stringere.

Štralunàtë – Stralunato.

Štrambalàtè – Stravagante.

Štràmbë – Strano.

Štramèzzë – Interiora e parti meno pregiate di un animale macellato.

Štrangaijìunë – Parotide.

Štrapàzzë – Stress.

Štrappacòrë – Strappacuore (liquore molto forte).

Štrapurtà – Portare via lontano con forza.

Štrarvì – Ritorna subito.

Štrasciné – Trascinare.

Štrascinìtë – Cime di rape cotti in padella con olio. Trascinare con forza.

Štràttë – Stretto.

Štravedà – Esaltare qualcuno eccessivamente.

Štreccià – Dipanare qualcosa. Sbrogliare.

Štreghètë – Stregato. Uva i cui acini non sono tutti sviluppati.

Štrèijë – Striglia per equini.

Štrèllë – Grida. Strilli . Urli.

Štrèmë – Estremo.

Štrepparè – Sterpaia.

Štrèscë – Striscia di qualcosa lungo e stretto.

Štrettazzë – Ristrettezza. Povertà.

Štrezzé – Strizzare il bucato a mano. Paura.

Štriccicà – Districare.

Štriché – Abbortire.

Štrìijë – Distruggere.

Štriijé – Strigliare un equino. Rimprovero.

Štrippelàunë – Persona rozza e ignorante.

Štriscé – Strisciare. Servile.

Štrizzé – Strizzare il bucato.

Štrufuné – Strofinare.

Štrommuèndë – Strumento. Arnese del mestiere. Testamento.

Štruppujé – Storpiare. Riempire di batoste.

Štruppunàrë – Stirpe famigliare.

Štrusciamìssë – Regali fatti per raccomandazioni.

Štu – Questo.

Štubbutijé – Far finta di non capire.

Štucchië – Questi occhi.

Štuccuò – Spezzare.

Študujué – Studiare.

Štuppuènë – Stoppino del lume a olio.

Štuputé – Rimbecillire.

Štuputijé – Far finta di non capire.

Šturdulluètë – Intontito.

Šturpijètë – Storpiato. Sciancato.

Šturué – Sturare.

Štutué – Spegnere.

Štuvuòlë – Stivale.

Štùzzë – Spezza.

Succupuòtë – Disoccupato.

Sugué – Sudare.

Suffucà – Rosolare.

Sugguèttë – Persona poco raccomandabile.

Suggiuzziàunë – Soggezione.

Sujìzzë – Singhiozzo.

Suluarènë – Suino.

Suluàgnë – Zona soleggiata.

Sumundà – Seminare.

Sungiuèrë – Sincero.

Sunnuò – Sognare.

Sunzuòlë – Sensuale. Mediatore.

Suònghë – Sangue.

Suppurtaziàunë – Pazienza. Tolleranza.

Surnacchijé – Dormire russando.

Surrucàunë – Grosso topo.

Surracchië – Sega a mano. Saracco.

Suspuèrë – Sospiro.

Sutuàtë – Calmato.

Suttuònë – Sottana.

Sutuòccë – Setaccio.

Svacà – Separare i chicchi d’uva dal graspo.

Svèldë – Furbo.

Svèijë – Sveglia. Orologio.

Sveijé – Svegliarsi.

Svelà – Rivelare.

Svesceché – Far rumore.

Svezzà – Svezzare.

Svindilijé – Sventolare.

Svité – Svitare.

Svizietamèndë – Distrattamente.

Svuddà – Svoltare. Cambiare direzione.

Svuddé – Svuotare un recipiente.

Svuldàunë – Persona chi si crede molto furba.

Svušchéë – Rovistare cercando qualcosa.

T

Tabbaccarë – Venditore di Sali e tabacchi, anche persona stupita.

Tabbacchë – Tabacco.

Tabburnacùlë – Tabernacolo, inteso anche come qualcosa di immodificabile.

Taccarellë – Pezzettino di legno o di mattone.

Taccaratë – Botte date con un bastone.

Taccarijè – Riempire di botte.

Tàcca tàcchë – fare le cose precise, con calma rispettando le tacche del metro.

Tàcchë – Tacco.

Tàcchië – Tecchio, parte del tronco dell’albero, una volta si metteva davanti la casa di colei si voleva chiedere la mano.

Taccialàrdë – Tagliere.

Taccunuèllë – Tipo di pasta.

Tàchë – Baccello.

Tafanàrië – Deretano.

Tàgnë – Tingere, colorare.

Taijà – Tagliare.

Taijòlë – Tagliola.

Tajulènë – Lasagnette di 4-5 mm

Tàlë e quòlë – Identico.

Tàlë – Tela.

Talijànë – Italiano.

Talùrnë – Lamento.

Tamàrrë – Stupido, ignorante.

Tàmbë – Tanfo, cattivo odore.

Tamìrrë – Tamburo.

Tammì – Guarda.

Tàmmulë – Tomolo, unità di misura …..

Tànë – Tana di animali.

Tanà – Scoprire, parte di un gioco.

Tàndë – Tanto o tinto.

Tappijè – camminare a lungo a passo svelto.

Taragnòle – Lumache grandi.

Tarchiàtë – persona non alta ma robusta.

Tarlijè – Perdere la testa, entrare un tarlo nelle cervella.

Tarmà – Ghiacciare.

Tarmàtë – Si usa per definire l’olio solidificato per il freddo.

Tarrachìutë – Tagliato di spessore esagerato, fetta di pane o altro.

Tarramòtë – Terremoto.

Tarrapàunë – Zolla di terra.

Tartaijàunë – Balbuziente.

Tassatë – Corpo indurito, rimasto senza parole.

Tasciòlë – Tasso.

Tàsscë – tosse.

Taštamèndë – Testamento.

Tàštë – Tasto.

Taštijè – Tastare.

Tàtë – Padre.

Tavànë – Mosca cavallina.

Tavulàtë – Tavolata,banchetto, tante persone

sedute alla stessa tavola.

Tazzetèllë – Tazzina.

– Tieni.

Telechejè – Solleticare

Tèmbë – Tempo.

Tembràtë – si dice di quando la quantità di pioggia a soddisfatto il terreno, timbrato alle poste.

Tembeštàtë – Tempesta, temporale o reazione incontrollata di una persona.

Temènzë – Temenza.

Të ‘mmendë – Guarda osserva.

Tenà – Tenere, sostenere o possedere.

Tenàijë – Tenaglia.

Tendàllë – Bimbo che ama toccare tutto.

Tènnë dë lassë – Erba selvatica buona da mangiare.

Teraccambà – Vivere alla giornata.

Tèrë – Tirare.

Terètë – Tirata, boccata di sigaretta o spilorcio.

Terragnë – Odore e sapore di terra.

Terànnë – Sostenuta tirata di capelli in una lite.

Tèrrebbelë – Terribile.

Terètë – Bere tutto di un fiato.

Tettè – Cane.

Trèijë – Pieghe degli abiti.

– Tu.

Ti poštë – Sopportare, resistere.

Tìbbuë – Tubo.

Tignàusë – Rognoso.

Tijèllë – Teglia.

Tilichè – Solleticare.

Timbë timbùrië – Tempi remoti.

Timìnzë – Timore.

Timmendë – Guarda bene.

Tindàllë – Che tocca ogni cosa.

Tìppuë – Chignon, acconciatura femminine dei

capelli raccolti a cipolla.

Tirapìtë – Portare iella,tirare i piedi.

Tiritìnghë e tiritànghë – Ritornare sull’argomento cercando di ingannare qualcuno.

Tirzìutë – Persona tarchiata e robusta.

Tìttë – Tutto.

– Prendi.

Tòcchë – Trombosi.

Tòddë – Levato, rimosso.

Tòijë – Prendere, togliere.

Tomë tomë – Piano piano, zitto zitto.

Tòninë – Abbreviazione di Antonio.

Tòpë – Organo sessuale femminile.

Tòppë – Pezzo di stoffa cucita per chiudere un buco

nei vestiti, rammento.

Tòrcë – Torcere.

Tòrtë – Storto o anche persona cattiva.

Tòschë – Veleno, tossico.

Tòštë – Duro.

Tòterë – Torsolo del granturco.

Tòzzë – Pezzo di pane.

Tra – Tre.

Trabbaccuë – Trabiccolo.

Trabballë – Barcollare, oggetto insicuro.

Tracannà – Bere più di quello che si riesce a ingoiare.

Traccagnòttë – Persona piccola e tarchiata.

Tra càpë e collë – Colpo sulla nuca(tra il capo e il collo).

Tràccë – Treccia

Tracòllë – Riferito a qualcosa appeso al collo.

Tràgnë – Secchio.

Traijènë – Carro con grandi ruote.

Tràijë – Slitta rudimentale, carro agricolo usato durante la mietitura perché scivolava sul grano mietuto.

Trainìrë – Colui che guida il carro.

Trambijè – Instabile.

Tràmbuë – Tromba.

Tramèzzë – Muro divisorio.

Tramutè – Travasare il vino.

Tràndë – Bretelle.

Trappetë – Frantoio.

Trappetàrë – Frantoiano.

Trappitë – Treppiedi.

Trascàrsë – Discorso.

Tràschë – Mietitura o relazione amorosa nascosta.

Trascuruè – Tralasciare,non curarsene.

Tratàurë – Tiretto del comò.

Trattaurë – Tratturo, trattore.

Tràutë – Torbido.

Travàijë – Tormento, travaglio, lavoro.

Tremuònië – Cassa contenente il grano da macinare.

Tretacafè – Macinino del caffè.

Tretè – Tritare.

Triffulë – Orcio,recipiente panciuto con due manici

in terra cotta.

Trijètë – Tirature delle cuciture degli abiti.

Trìllë Trìllë – Persona che ha abusato di cibo e vino.

Trezzecà – Dondolare.

Tròcchë – Truògolo, recipiente per il pastone dei maiali.

Trosamarè – Rosmarino.

Truccë – comando per attirare un cavallo.

Trunguò – Mozzare.

Truvuò – Trovare

Tuàttë – Tetto.

Tùcchë – Conta per decidere chi deve iniziare.

Tuccuatèllë – Paresi lieve.

Tuhuòtrë – Teatro.

Tùnë – Tuoni.

Tunuèccë – Grosso recipiente in legno ottenuto tagliando a metà vecchie botti.

Tunuruàmë – Tenerame della carne.

Tuòppë – Tappo.

Tuppë e tuppë – Imitazione del picchiare un porta.

Tupuanàrë – Talpa.

Tupputèllë – Bioccolo di lana o cotone.

Tupungìllë – Topolino.

Turcitìurë – Torchio.

Turluttuànë – Occhione (uccello).

Turnë turnë – Tutto intorno.

Turraunë – Torrone.

Tùrtë – Non aver ragione.

Turtuarèllë – Varietà di cetriolo.

Turtuàurë – Bastone,clava.

Turturuàtë – Bastonate.

Turzàunë ortaggi.– Fusto mangereccio di alcune erbe, torsolo.

Tuštamèndë – Testamento.

Tuvuòijë – Tovaglia.

Tuzzaunë – Carbone ardente.

Tuzzuluò – Bussare alla porta.

 

” U “

Uajàunë – Bambino.

Uajemùrtë – Sfaticato.

Ualetà – Tipo, specie.

Uàmmulë – Recipiente cilindrico per conservare l’olio.

Uandìrë – Vassoio.

Uardìllë – Panno che si interpone tra la schiena degli equini e il basto.

Uarnemìndë – Finimenti per equini.

Uarrecchiàlë – Argano costituito da un cilindro con un gancio su cui si tira ruotando su se stesso una corda per assicurare il carico sui mezzi agricoli.

Uarzamèllë – Ugola

Uaštë – Vasto

Uaštaròlë – Vastese ( Abitante della città di Vasto).

Uattatë – Luogo riparato.

Uòzzë – Brina mattutina.

Ùcchië – Occhio.

Ùcchië dë vòvë – Cinciallegra(uccello) , anche Uovo in camicia.

Ucchiòlë – Occhiali.

Udìnzjë – Ascolto.

Uffausë – Offeso.

Uffertë – Offerta

Uffujè – Beffeggiare,burlare,deridere.

Ùgnë – Ogni.

Uhuòle – Uguale.

Ùijë – Oggi.

Uijèrmë – Guglielmo.

Uijusubbuìrdë – Mentuccia.

Umbruèllë – Ombrello.

Ùmmenë – Uomini.

Ummenìccë – Uomo piccolo.

Ummunàunë – Uomo grande.

Umuè – Il fuoriuscire del pus da una piaga.

Unèstë – Onesto.

Unuàrë – Onore.

Unùcchië – Ginocchio.

Uo’ – Guarda.

Uòjë – Guaio.

Uòsscë uòsscë – Pianp piano.

Uòštë – Vasto.

Upuràië – Operaio.

Uràfecë – Orefice.

Urèštë – Oreste.

Ùrië – Orzo.

Urtuè – Urtare, arrabbiarsi.

Urtuluònë – Ortolano.

Uruòrië – Orario.

Ussuatìurë – Ossatura.

Uštuòvë – Gustavo.

Usumujë – Annusare, odorare, cercare.

Uttàunë – Ottone.

Uttuàbbrë – Ottobre.

Uttunuà – Ottenere.

Uttuòvë – Ottavo giorno dopo la festa di S. Vitale, estrazione della Pepèzzë.

Uvaròlë – Gallina fetaiola.

 

 

” V “

Vaccelë – Bacinella

Vaccuë – Bocca.

Vàchë – Acino d’uva.

Vàculë – Vuoto

Vaijë – Vado.

Valà – Valere.

Valecàtë – Infeltrito.

Valèscë – Valigia.

Valicchijè – Pestare, picchiare.

Vallaunë – Vallone.

Vàllë – Bolle.

Vàmbe – Vampate di fuoco o di calore.

Vambijè – Fare arrossare la faccia a suon di schiaffi.

Vammacë – Ovatta

Vammenë – Ostetrica, lavatrice.

Vanda – Vantare, lodare.

Vandasciàunë – Smargiasso, sbruffone,gradasso.

Vànë – Vena.

Vanetàusë – Vanitoso.

Vàngë – Vingere.

Vannenë – Cavallo giovane, puledro.

Vannina – Cavalla giovane, puledra.

Vàrechë – Barca.

Varlàsë – Ferite dell’asino.

Vàrvë – Barba.

Varra varrë – Recipiente riempito fino all’orlo, zeppo,colmo.

Varrattë – Piccola spranga.

Vàrrë – Spranga che serviva a chiudere porte e finestre.

Vasanicòlë – Basilico.

Vašcàttë – Vaschetta.

Vascë – Bacio.

Vašchë – Vasca.

Vascià – Baciare.

Vàscuvuë – Vescovo.

Vàssë – Basso.

Vaštà – Basta.

Vàttë – Botte, anche battere, percuotere.

Vattejè – Battezzare.

Vattejètë – Battezzato.

Vàucë – Voce.

Vàulë – Volo.

Vàutë – Gomito.

Vavaròlë – Bavaglino per bimbi.

Vavàuse – Bavoso.

Vavìusë – Pasta scotta che ha assorbito l’acqua di cottura.

Vàvë – Bava o bere o beve.

Vàvetë – Bevuta.

Vazzejë – Recipiente capiente per minestre.

Vecàchë – Biancospino.

Vecàlë – Boccale.

Vejàijë – Viaggio.

Vèjë – strada.

Vellatë – Bastone lungo.

Velenàusë – Velenoso.

Vellagnë – Vendemmia.

Venàccë – Residuo della spremitura dell’uva.

Vèndë – Vento, venti.

Vendelà – Ventilare.

Vendelatùrië – Vento di temporale.

Vendènë – Ventina.

Vendràmë – Interiore di animale.

Vendricènë – Ventricina, tipico salume di San Salvo.

Vendunàurë – L’ora dell’Ave Maria.

Vènë – Vino.

Vengitòrië – Averla vinta.

Vengìutë – Vinto.

Verdesàcchë – Terreno arido, riconoscibile dal colore verde secco dell’erba.

Verlingòcchë – Albicocche.

Verminàrë – Verminara, parassite intestinale, (Arcaico, grossa paura).

Vernàtë – Invernata.

Vernèscë – Scintille.

Verracchië – Giro in torno a qualcosa fatta con la corda.

Verracchiòlë – Maialetto giovane.

Vèrrë – Verro, maiale maschio , riproduttore.

Vertàcchië – Fusaiolo,fuso per filare la lana.

Vertèjë – Polvere o altro che penetra nell’occhio e da fastidio.

Verzòttë – Verza, cavolo.

Vesàccë – Bisaccia.

Vèsetë – Visita.

Vèštë – Vista.

Vèštë mà? – Visto mai?

Veštë – Vestire.

Vèštèrsë – Vestirsi.

Vèštètë – Vestito.

Vetàlë – Vitale.

Vètë – Vito.

Vezzochë – Bigotta, ipocrita, bacchettona.

Vi – Vieni.

 Vì – Voi.

Viàjë – Un viaggio per trasportare un carico di merci.

Vianòvë – Strada asfaltata, le prime.

Viarèllë – Sentiero.

Viastemà – Bestemmiare.

Viatecàrë – Carrettiere commerciante.

Vicchiàjë – Vecchiaia.

Vidèllë – Budella.

Vièrdë – Trapano a mano.

Viggèijë – Vigilia.

Vijasì – Suvvia, presto.

Vijàtë – Beato.

Vijòlë – Viola.

Vijuluènë – Violino.

Vischìrë – Rovo degli asparagi selvatici.

Velàngë – Bilancia.

Villë villë – Appena.

Vellendë – Bollente.

Vimmutë – Tuoni temporaleschi.

Vinghë – Vengo.

Virrë Varrë – Un ritorno di forza .

Vìssë – Spinta.

Vitèccë – Ceppame di viti.

Vittë – Spingi.

Vivetìccë – Piccola merenda per i contadini nei campi.

– Vuole.

Voccapèrtë – Parlapresto, chiacchierone.

Vocchë e nasë – Bocca e naso, inteso come vicini o case vicine.

Voddafàccë – Voltagabbana, infedele.

Voijë – Voglia.

Vòmmechë – Vomito.

Vòvë – Bue,

Vòzzë – bernoccolo.

Vraccë – Braccia.

Vràccelë – Breccia, ghiaia.

Vràchë – Brache.

Vraccolle – Collare di legno che si metteva al collo delle capre.

Vràgnë – Bernoccolo.

Vrangàtë – Manciata, quantità indefinita.

Vrànnë – Pastone per animali.

Vrascë – Brace.

Vrascìrë – Braciere.

Vràttë – Sporco

Vrettacchiènë – Sporcaccione.

Vrettetàtë – Sporcizia.

Vrevùgnë – Vergogna.

Vriccelàllë – Brecciolina.

Vrìccelë – Brivido

Vrìscelë – Foruncolo.

Vrišchìrë – Arbusto spinoso dove cresce l’asparago.

Vrìsculë – Dischi di iuta usati per la macinatura delle olive.

Vròcchë – Chioccia.

Vròcchelë – Broccolo.

Vruccannë – Nidiata di pulcini.

Vrudàijë – Brodaglia.

Vrudàttë – Brodetto.

Vrugnaròlë – Escrescienza rotondeggiante nella palpedra.

Vruvuràunë – Pastone per maiali.

– Vuoi.

Vuaccelë – Bacinella.

Vuàlë – Velo.

Vuarèlë – Barile.

Vuarllasë – Piaga.

Vuarvirë – Barbiere.

Vuàtenë – Recipiente per l’olio.

Vucàlë – Boccale.

Viccaunë – Boccone.

Vuddà – Voltare, girare.

Vuddaracchië – Aratro di legno con lama in acciaio pieghevole a Dx e Sx.

Vuddarèllë – Girandola.

Vùddë – Vuoto.

Vuènë – Vino.

Vùijë – Voglio.

Vulà – Volare.

Vulè – Voglia.

Vulechijè – Brulicare.

Vulèjë – Voglia.

Vullè – Bollire.

Vulindìrë – volentieri, con piacere.

Vummetejè – Tuonare.

Vušcarèllë – Intrigante.

Vussannë – Forte spinta.

Vuštètë – Vestito.

Vutaggerë – Capogiro.

Vuttè – Spingere.

Vuvë – Buoi.

 

” Z “

Za’ – Zia (quando precede il nome)         

 Zacarèllë – Nastrini       

Zàcchë – Zecca ( acaro )

Zahàijë – fionda ( arma da getto formata da due corde che tenevano una sacca dove mettere il sasso da lanciare)

Zahaijë – Scappare, fuggire.

Zàllë – Nodi di capelli

Zambàtë – Calcio

Zambijë – Calpestare

Zàmbuë – Salto

Zannellë – Lembi di vesti grandi e lunghi.

Zappa zàppë – Strapieno, riempito al massimo.

Zappàunë – Zappa

Zappë – Cuneo

Zàuchë – fune, corda.

Zavàrrë – Pietra (da lanciare con forza).

Zàzzerë – Portare i capelli lunghi e incolti.

Zelàndë – Uomo di buona volontà.

Zellausë –Pedante, sofistico.

Zenàtë – Tutto quello che può essere portato dal grembiule ripiegato alla cintola.

Zeppelàllë – Piccolo spessore.

Zerlànghë – Stretta striscia di stoffa o di terreno.

Zèrrë – Caprone, becco, maschio della capra.

Zètë – Fidanzata (arcaico).

Zezeliàijë – Cigolare, scricchiolare.

Zèzzë – Seno o capezzoli.

Ziànë – Zio.

Ziànemë – Mio zio.

Ziànetë – Tuo zio

Zichècchë – Sinonimo di persona astuta, furba, difficile da imbrogliare.

Zìllë – Giocare.

Zìmbuë – Salti

Zingarijë – Adulare per ottenere qualcosa.

Zìppuë – Bagnato fracido.

Zìppuë cculènnë – Bagnato al punto che l’acqua sgocciola dall’abito.

Zirì – Verso di richiamo per il maiale.

Zizì – Zio, dotto dai bambini.

Zòcchelë – Topo di fogna, prostituta.

Zòzzë – Sporco.

Zuccuèttë – Parole o frasi ironiche lanciate all’indirizzo di persone malviste.

Zuffulatàure – Soffiatoio (arnese per ravvivare il fuoco).

Zuffucà – Rosolare.

Zuffulè – Soffiare.

Zuffunnà – Cadere, precipitare in modo rovinoso.

Zuìccuerë – Zucchero.

Zullarèllë – Girandola.

Zullujuè – Giocare.

Zumbë-zumbuèttë – Gioco infantile.

Zumbuò – Saltare.

Zupèppë – Vaso da notte

Zuppuàttë – Neve con mosto cotto.

Zuppucà – Zoppicare

Zuppurè – Succhiare.

Zurrujè – Defecare .

Zuzù – voce di richiamo per il cane.

Zzà – Voce che riproduce il rumore di un taglio.

 

 

krolick.leilani@mailxu.com