Cilli Vitale inizio anni ’30.

Ricordo che i vecchi non dicevano mai fammi una foto, ma esclamavano “FÀMMË ‘NU RUTRUÒTTË” (Fammi un ritratto).

Una volta il ritratto era riservato ai grandi personaggi, ai sovrani e ai ricchi aristocratici, sotto forma di busti marmorei o legnose o sotto forma di pittura su vari supporti. Poi con l’avvento della fotografia e grazie ai fotografi ambulanti, che giravano per le fiere di paese in paese, anche i meno ambienti finalmente ebbero il loro ritratto così da poter tramandare il loro ricordo nel futuro.

Nella foto lo zio e i cugini dei miei genitori, Cilli Vitale con i figli Rocco e Nina inizi anni ’30.

Condividi!

13 Maggio 1949.

Da dx: Caruso Annina, Besca Maria, Caruso lucia e ?? .

La foto mi fa pensare a fanciulle che hanno respirato i fumi della guerra e a distanza di qualche anno ritrovano il sorriso e la spensieratezza.

Condividi!
Pagine:«12345678...156»
winterbottom@mailxu.com