Giu 19, 2012 - Poesie    No Comments

Il Tempo del Raccolto

              IL TEMPO DE RACCOLTO

 

Mentre la notte scivola via,

una luna vecchia e stanca,

appoggiata a una ringhiera di stelle,

si mette a guardare San Salvo bella.

Sono le quattro, man mano,

mentre l’aurora bussa alla porta,

tra rumori, voci e luci,

la città si sveglia.

È tempo del raccolto,

padre, madre, figli e figlie,

perfino il nonno,  appoggiato al profumo del primo caffè,

si sono alzati.

Macchine vecchie, macchine nuove,

carri e carrettoni

tutti pieni,

di casse e cassoni, si parte.

Come un fiume in piena si và,

verso la Bufalara, il Basco Motticce, la Rotella, la Padula e la Forma Vecchia,

il contadino e le pesche puntuali

all’appuntamento atteso un’anno intero.

Come fidanzatini

pronti a cogliere,

il tanto sperato

primo bacio.

Ma …

bisogna fare in fretta,

prima che il sole nasca dal mare e ci abbracci

con la sua calura.

                                                                                                                          

                                                                                                                Stefano Marchetta

 

Condividi!
fritter-mariella@mailxu.com