Lu Ggìdecë e lë lèdrë.

Questo e uno delle tante storielle che mio padre mi narrava per farmi capire la vita reale com’era.

Dopo un primo preambolo, il racconto iniziava con la presentazione dell’immagine del momento in cui due persone erano state arrestate e portate davanti al giudice, il primo malfattore aveva rubato tanti soldi, mentre il secondo aveva rubato due sacchi di paglia per far mangiare il suo asino.

Dopo una rapida consultazione delle accuse a carico dei due delinquenti, il giudice decreto, i suoi verdetti, il rapinatore fu assolto con formula piena, il ladro di paglia condannato. Al che il secondo si alzo in piedi ed esclamò: ” Ma gna è signor Ggìdecë, jè aijë arrubbuòtë ‘nu quàunë dë pàijë e vàijë ‘ngalè, quell’aèllë arrubbìtë lë quatrènë zë në và a spàssë “?

Il giudice rispose: “ Ggiuvunò, jè nnë màgnë la pàijë “!

Stefano Marchetta

Condividi!

Got anything to say? Go ahead and leave a comment!

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

ruoho_349@mailxu.com