Lë saggèccë, l’òvë, lu màštrë e lu lavuràndë.

Una volta in un tempo dove sul calendario appeso al muro, si leggeva una data che cominciava con uno, a casa di zà Maré, una piccola abitazione in via Savoia si stavano facendo lavori di muratura. Avvicinatosi l’ora di pranzo la padrona di casa, si presento dagli operai dicendo: ” Màštrë Luèggë pë mezzejùrnë chë vulàtë lë saggèccë o l’òvë ”?

La risposta fu una diplomatica e di consuetudine: ” Quàllë c’armànë cchiù comedë a signurué “.

Mentre zà Maré ritornava verso la cucina, màštrë Luèggë tiro una forte sberla al giovane apprendista che scoppio in un sonoro pianto che fece accorrere la signora che con voce affannata chiese: ” Chë cosë à fàttë šta criatìurë, peccà chiàgnë ”?

Lu màštrë con un tono seccato e arrabbiato esclamò: Štu mortacèsë chiàgnë, peccà vò saggèccë e òvë ”!

La risposta fu quella sperata: “ Nnë të pruccupà bbèllë dë zà Maré, mò fàccë ‘na bbèllë frettètë ‘nghë la saggèccë ”!

Stefano Marchetta

Condividi!

Got anything to say? Go ahead and leave a comment!

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

ruesch.mariah@mailxu.com ivanoffdean@mailxu.com