La fesarmònechë.

Un tempo ci stava a San Salvo ‘nu Maštrë  che aggiustava organetti e fisarmoniche. Un giorno prima dë la Cungezziàunë (8 dicembre la Concezione) un cliente un certo Baccalà originario di Vasto, andò a ritirare il suo organetto, prima di pagare chiese fino a quando sarebbe durata la riparazione e lu Maštrë gli rispose:

” Pù sunuà fènë a Sàndë Necòlë “. Fattosi un rapito conto erano più di sei mesi, salutò e suonando, suonando si avviò verso casa.

A un certo punto della strada lo strumento smise di suonare, tutto arrabbiato torno sui suoi  passi, entro tutto arrabbiato nella bottega lamentandosi del pessimo lavoro.

Lu maštrë  non si scompose e chiese :

”Andò së aruvuètë, sunuènnë, sunuènnë”?

Gli rispose Baccalà: ”Cchì o mènë vecènë a la cchìscë dë Sàndë Necòlë”.

 Lu maštrë, con tono pacato esclamò “E jé chë të vë dèttë, fènë a Sàndë Necòlë”!

Stefano Marchetta

Condividi!

Got anything to say? Go ahead and leave a comment!

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

powroznikrolf@mailxu.com