Ott 18, 2020 - Home    No Comments

“Bbònaserë, tuttë ‘nghë ‘na bbòttë”.

Anni fa, in un mondo patriarcale e a volte pieno di ingenuità, c’era un padre che voleva trovare una moglie per suo figlio.

Il giovane era bravo e di sani principi ma aveva un difetto quando parlava tartaijàvë, ciarciaijàvë (era balbuziente).

Un giorno lu ‘mmašciatàurë (l’ambasciatore) quello che portava sempre le calze rosse nell’occasioni di fare un matrimonio, fece sapere che aveva trovato una ragazza e non era dë bbassafràttë (cioè del popolino).

Il padre il giorno prima cerco di istruire il figlio dicendogli:” Mò nnë  spennàmë quatrènë, vedàmë prèmë së lu muatremònië zë štràghë, dumuònë të mèttë lu vuštètë mè, la cosë cchiù ‘mbortàntë è candë èndrë dà dècë bbònaserë, tuttë ‘nghë ‘na bbòttë”. (Adesso non spensiamo soldi, vediamo prima se il matrimonio si fa, domani ti metterai il mio vestito, la cosa più importante è quando entri devi dire buonasera, tutto insieme).

Così fu la sera dell’entrata il giovane appena entrato disse:”Bbo bbo bbònaserë tuttë ‘nghë ‘na bbòttë”.

Tutti risero allora lui continuo:” Ppeccà redàtë?  Ppeccà pòrtë lu vvuštètë dë papà”? (Perché ridete? Perché porto il vestito di papà).

Così in una solo momento disse tutta la verità e il matrimonio non si fece.

Stefano Marchetta

Condividi!

Got anything to say? Go ahead and leave a comment!

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

miao@mailxu.com swiney@mailxu.com